western cinema lungometraggi inferno bianco WESTERN | WESTERN | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

WESTERN
INFERNO BIANCO
4 dicembre 2018
DALLA GUERRA CIVILE AL WEST- L'EPOPEA E LA STORIA INSANGUINATA DEGLI STATI UNITI A TEATRO A ROMA
FOTO ALLE PROVE


DOPO IL FILM "TORVE FANTASIE" DI DIEGO BONUCELLI, DOVE STEFANO JACURTI INTERPRETA IL GENERALE GRANT, ORA LO SPETTACOLO A TEATRO A ROMA:
DALLA GUERRA CIVILE AL WEST- L'AMERICA AI TEMPI DI GRANT- DI STEFANO JACURTI E ALESSANDRO IORI- REGIA ALESSANDRO IORI-
FRA GLI INTERPRETI VINCENZO SARTINI- GENERALE ROBERT LEE- ALESSANDRA ROMANO- CALAMITY JANE- ALESSIO MARIA MAFFEI- WILD BILL HICKOK- STEFANO SANTINI- OLD JACK- E CON LA PARTECIPAZIONE DI MARIO FOCARDI- SERGENTE MAGGIORE MALLORY E SULLIVAN CON LA PARTECIPAZIONE DI MATTEO ROSARIO LOMBARDI E MARCO MARLETTA- FRATELLI SULLIVAN- IN SCENA AL TEATRO BETTI 7- 8- 9 DICEMBRE A ROMA























CULTURA
28 maggio 2018
stefano jacurti a teatro anticipa spielberg e di caprio con il generale Grant di nuovo in scena a novembre 2018 dopo febbraio 2018
   stefano jacurti a teatro anticipa il film di spielberg e di caprio con il generale Grant di nuovo in scena a novembre 2018 dopo lo spettacolo di febbraio 2018      
                  





























teatro
21 marzo 2018
stefano jacurti e francesca bochicchio un caffe' con il generale grant
A CARTOOMICS MILANO STEFANO JACURTI REDUCE DAL MONOLOGO
"IL GENERALE GRANT, SPLENDORI E MISERIE DI UN GRANDE COMANDANTE"
REGIA ALESSANDRO IORI
INTERVISTATO DA FRANCESCA BOCHICCHIO PER "LIFE STYLE MADE IN ITALY"


https://lifestylemadeinitaly.it/stefano-jacurti-video-intervista/







CULTURA
25 gennaio 2018
Stefano Jacurti è il generale Grant a teatro- prima volta in Italia!
IL GENERALE GRANT RISOLUTORE DELLA GUERRA DI SECESSIONE, PRIMO GENERALE MODERNO DELLA STORIA E FUTURO PRESIDENTE DEGLI STATI UNITI, INTERPRETATO A TEATRO DA STEFANO JACURTI: " IL GENERALE GRANT, SPLENDORI E MISERIE DI UN GRANDE COMANDANTE" REGIA ALESSANDRO IORI-
TEATRO KEIROS NEI TRE SABATI 20 GENNAIO - 27 GENNAIO E 17 FEBBRAIO 2018 SEMPRE ORE 17 MOLOGANDO E DIALOGANDO INSIEME. LA GUERRA CIVILE AMERICANA A TEATRO. L'ASCESA AL VERTICE, LE VITTORIE SUI CAMPI DI BATTAGLIA, IL TORMENTO DEL WHISKY, IL NEMICO ROBERT LEE, GLI ORRORI DELLA GUERRA, E LA DETERMINAZIONE PER ANDARE FINO IN FONDO.














 
































CULTURA
20 agosto 2012
BASTARDI PER STIRPE E DINTORNI- INTERVISTA SU MONDOSPETTACOLO.COM


INTERVISTA SU MONDOSPETTACOLO.COM

Oggi sono andato ad intervistare un uomo che ha fatto del “Genere Western” la sua missione

Il suo nome è Stefano Jacurti.

Ciao Stefano finalmente ci ritroviamo dopo un po’ di anni!

Ciao Alessandro! Un piacere ritrovarti sempre alla grande!

Stefano sei Attore Regista Scrittore insomma sei un Artista con la A maiuscola, come è iniziato il tuo percorso in questo magico mondo dello spettacolo?

Ho cominciato a fare gli spettacoli nella classica parrocchia spinto da compagni di scuola e cari amici, è cominciato tutto da lì, poi mi sono iscritto alla scuola di teatro di Isabella del Bianco e Cristiano Censi, erano gli

 anni 80, ed eccomi qui.


Come era Stefano da ragazzino?

Sognavo mondi lontani, leggevo i fumetti, ero timido, poi nel tempo ho capito a quale tipologia di timidezza appartenevo: quella che si butta avanti per non cadere indietro, infatti negli anni successivi mi sono scatenato al liceo.

Perché questa passione per il genere Western?

Ci sono nato, il mondo intorno era così, c’era molto western in tv, al cinema, nella pubblicità e nei giocattoli, era difficile negli anni 60- 70 starne fuori o completamente indifferenti, ma anche quelli che non hanno subito questo fascino e sono vicini alla mia età, quando si parla di queste cose si aprono in un sorriso,evidentemente riconoscono qualcosa di vicino, anche se non sono proprio dentro al genere.



Quale dei tuoi numerosi progetti artistici ricordi con più piacere?

Ricordo con piacere tutti i miei progetti anche quelli più scalcinati, fanno parte di un percorso dove sto cercando di migliorare ancora, il cantiere è sempre aperto, ma i vecchi progetti artistici sanciscono anche periodi della vita precisi: che facevo in quegli anni, chi frequentavo, cosa sognavo. Era il periodo delle tv locali dove mi cimentavo in varie gag,(ho cominciato con il comico)giravo i primi corti in vhs, mentre il teatro proseguiva insieme alle partitone di calciotto. Poi la sera si usciva in caccia come lupi nelle notti della movida romana, bellissimo.

Parliamo ora di Inferno Bianco quando e come è nata l’idea di fare questo film?

Una sera d’inverno faceva un freddo cane, c’era il ghiaccio sul lunotto dell’auto, così dopo una serata e un corto di Emiliano, si Ferrera, il nostro Clint Eastwood, mi venne in mente di scrivere la storia di inferno bianco in pochi giorni, un western sulla neve e poi siamo partiti per una splendida e sofferta avventura.

Cosa apprezzano maggiormente di te gli artisti con cui hai lavorato?

Questo lasciamolo dire a loro, io non so niente, posso dirti il contrario invece, cosa apprezzo degli altri: l’entusiasmo in primo luogo, ma anche la serietà e la concretezza, apprezzo molto chi mi pone davanti una situazione “chiara “ quelli che non perdono tempo e vanno al sodo, ma anche la loro buona fede, l’importante è che io avverta la loro onestà di intenti anche se non sempre si possono realizzare tutti i progetti.

E’ da poco uscito “BASTARDI PER STIRPE” il tuo romanzo western, di che parla il tuo romanzo?


Bastardi per stirpe è una guerra tra due famiglie che si contendono i pascoli per le mandrie e le pecore a suon di piombo. Il romanzo narra il modo di vedere le cose dei vari personaggi, le lacerazioni del passato, il desiderio di vendetta, l’orgoglio di sentirsi parte di qualcosa. Il romanzo è un western dove c’è l’essere disposti a dare il meglio e il peggio di sé nell’ Arizona infuocata dal sole e dal sangue. Bastardi per stirpe significa torturare per vendetta, sparare su un cadavere già deposto dentro una bara per sancire l’ estremo oltraggio, fare sesso a pagamento ma con un po’ d’amore, abbracciare un coniuge con la consapevolezza che quell’abbraccio potrebbe essere l’ultimo, onorare la memoria di un padre.

I MacPherson e i Baxter si combattono su una linea di demarcazione tra torto e ragione secondo me molto labile per una stirpe bastarda come quella dell’uomo. Secondo la Bibbia noi non discendiamo da Abele, ma da Caino, ed è noto come la Bibbia spesso si presti a spunti spettacolari più del Vangelo.


Quali sono le tue passioni?

Fuori dallo spettacolo le passioni sono viaggiare, girare per mercatini per curiosare tra libri, vecchi dischi e giocattoli di un tempo. Nello spettacolo le passioni sono le grandi attrici nel cinema, per alcune vado pazzo, ma stimo molto anche quelle con cui ho lavorato a teatro, infine mi piace ascoltare la musica country e visitare quando posso, le mostre di modellismo. Ovviamente non mi faccio mai mancare la classica tavolata con gli amici per cazzeggiare,oppure una birra in due. Per me è importante ritrovarsi, sempre.

Un tuo pregio e un tuo difetto

A volte sono un prudente, vale come pregio, vale come difetto, prima di buttarmi in un progetto ci penso molto ad esempio, dopo vado avanti come un carro armato, ma prima devo riflettere a lungo.

Che cos’è sacro per te?

L’amicizia, anche se questa sacralità nella vita può essere messa in discussione per qualche inevitabile delusione, ma poi si rimonta in sella e via, torni a crederci e fai bene.


C’è qualcosa di te che cambieresti?

L’ho detto prima, quel cinquanta per cento di prudenza che in alcuni casi non è necessaria, l’altro cinquanta però me lo tengo tutto e so di aver ragione.

I tuoi progetti futuri?

Tornare a teatro come prima esigenza perché è tempo di rituffarsi in scena, poi decidere quale direzione prendere riguardo a una mia storia western…

E’ d’obbligo farti questa domanda: quali sono per te i primi tre film western più belli di tutta la storia del cinema?

Sentieri Selvaggi, Il buono il brutto il cattivo, Il mucchio selvaggio, ma potrebbero essere insidiati da Mezzogiorno di fuoco, Ombre rosse, Gli Spietati e altri…

Un tuo motto o una frase che più ti rappresenta?

“Se vedi lo schifo del mondo, vagli incontro e falla finita”

Se ti dicessi W Django cosa mi risponderesti?

W Django! W Franco Nero! Un mito! Ma dovrei risponderti anche W Ringo Giuliano Gemma! Così non faccio torto a nessuno!

Manda un saluto ai nostri lettori!!!

A tutti voi un saluto dal west e non, perché c’è sempre un altro orizzonte da raggiungere!


Stefano ringraziandoti per avermi concesso questa intervista invito tutti i nostri lettori a leggere il tuo Romanzo.

Alessandro Cunsolo





CULTURA
13 maggio 2010
le foto di Golden city western a teatro regia di Stefano Jacurti

LE FOTO DELLO SPETTACOLO
WESTERN

GOLDEN CITY

TESTO E REGIA

STEFANO JACURTI

AIUTO REGIA DANILA NEGRO

SCENOGRAFIA EMILIANO FERRERA

 

Con Alberto Mosca( Richard)
Stefano Jacurti (Pike)
Francesco Laruffa (Jodie)
Arianna Cigni ( Jodie
)



JODIE , OLD GLORY E BILLY THE KID


RICHARD IL BOSTONIANO IN VIAGGIO NEL WEST PIKE IL FUORILEGGE JODIE LA PROSTITUTA DI GOLDEN CITY

ALBERTO MOSCA (RICHARD) STEFANO JACURTI (PIKE) FRANCESCO LARUFFA (FRANK)

ARIANNA CIGNI (JODIE)



 

PIKE- JODIE- FRANK





RICHARD E PIKE


PIKE E RICHARD STEFANO JACURTI E ALBERTO MOSCA






RICHARD (ALBERTO MOSCA) PIKE (STEFANO JACURTI) FRANK( FRANCESCO LARUFFA) JODIE

(ARIANNA CIGNI)



DOPO L'UCCISIONE


PIKE E JODIE


RICHARD E PIKE





FRANK E JODIE


RICHARD PIKE E JODIE





PIKE E JODIE

STEFANO JACURTI E ARIANNA CIGNI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 GRAZIE A EMILIANO FERRERA FRATELLO WESTERN PER L'ALLESTIMENTO

PER GOLDEN CITY

 

GRAZIE A DANILA NEGRO PER L'AIUTO REGIA IN GOLDEN CITY

teatro
4 dicembre 2009
NON SI SA COME DI LUIGI PIRANDELLO AL TEATRO SALA UNO A ROMA FINO AL 10 DICEMBRE
ROMANI! VI ASPETTO A TEATRO CON PIRANDELLO
IN "NON SI SA COME"
REGIA DI FEDERICO VIGORITO
APAS PRODUZIONI
CON WALTER TOSCHI
CRISTINA AUBRY
PAOLO RICCHI
STEFANO JACURTI
PAOLA SURACE
FINO AL 10 DICEMBRE
A SALA UNO



sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte




IL CANNOCCHIALE